/Du-ràn-te/ con Raffaella Bilotta

Confronto tra donne. E che donna! Creativa, gentile e soprattutto una studiosa. Oggi ho chiacchierato con Raffaella, esperta digitale e cosentina di adozione.

Mi chiamo Raffaella Bilotta educatrice e media educator, calabrese.

Mi occupo da anni con grande interesse e passione di tecnologia, come realizzazione di siti in wordpress, social media manager, gestione social e cura dei contenuti, insomma tutto ciò che riguarda le tecnologie.

La mia passione? Il lavoro e il cucito. Eh sì mi piace cucire, creare giochi/tavole sensoriali sulla linea montessoriana. Sono molto attenta ai dettagli perché sono quelli che fanno la differenza e a me piace distinguermi.

Come vivi la quarantena? Come gestisci il tempo?

Un’altra domanda di riserva?  Vivo bene la quarantena, nel senso che riesco a gestire questo tempo che sembra non terminare mai, nel migliore dei modi. Sono chiusa in casa dal 12 marzo e la mia unica uscita è il balcone, giusto due passi a destra e sinistra e poi torno indietro. Certo nessuno si aspettava questa situazione ma dobbiamo conviverci con consapevolezza e rispetto verso gli altri.

Il tempo sfugge e inganna, senza rendercene conto! Personalmente per deformazione professionale ho buttato giù un programma, ogni giorno faccio una cosa diversa, dal montaggio video, al cucito, alla cucina, alla cura dei miei canali social, del sito, alla formazione e aggiornamenti vari.

Ho messo in cantiere anche un progetto ma che non posso ancora svelare.

Lavori più o meno come prima?

Lavoro in smart working ma con orari più ristretti, si fa quello che si può.  Lo smark working mi piace perché gestisco bene il mio tempo e le mie giornate. Ci sono abituata da qualche tempo.

Cosa cambierà dopo questo periodo? Senza essere profeta come pensi cambieranno le cose nel nostro settore?

Spero che emergano i valori, che ahimè sono andati persi nell’arco del tempo.  Voglio essere ottimista come sempre, spero che nel settore digitale le cose cambino in positivo.

Un maggiore sviluppo positivo dal punto di vista dello Smart working dove in un momento di difficoltà, alcune persone si sono adattate e altre hanno scoperto questa nuova modalità di lavorare. Con la quarantena molte aziende hanno capito che per un maggiore sviluppo economico, e un “no stop” dell’azienda, c’è bisogno di un valore aggiunto ovvero un’agenzia di comunicazione web con un obiettivo ben mirato.  Oggi siamo tutti improvvisatori, ci adattiamo davanti al problema, ma resto dell’idea che ognuno devo “fare il suo” in modo eccellente.

Sottofondo musicale: Rinascerò, rinascerai – Roby Facchinetti

Rinascerò rinascerai quando tutto sarà finito. Torneremo a riveder le stelle. Rinascerò, rinascerai, la tempesta che ci travolge ci piega ma non ci spezzerà.

Raccontami il tuo progetto!

/Du-ràn-te/ con Raffaella Bilotta

Potrebbe anche interessarti